Avviso

Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!

Mostra "IILA. Un sogno italo latino americano". Sala della Lupa - Palazzo Montecitorio. Ingresso principale

Mostra camera deputati 

RELATORISi è inaugurata mercoledì 20 settembre la mostra “IILA. Un sogno italo-latino americano” nella Sala della Lupa della Camera dei Deputati. Sono intervenuti la Vice Presidente della Camera dei Deputati, Marina Sereni; il Vice Ministro degli Esteri e Vice Presidente dell’IILA, Mario Giro; il Presidente dell’IILA e Ambasciatore di Colombia, Juan Mesa Zuleta; il Segretario Generale dell’IILA, Donato Di Santo e la rappresentante dell’ENI, sponsor della mostra, Francesca Dionisi Vici.

Tutti i partecipanti hanno osservato un minuto di silenzio in  ricordo delle vittime del terremoto in Messico.
PUBBLICO

Alla inaugurazione erano presenti gli ambasciatori latinoamericani, Delegati presso l’IILA e personalità del mondo politico, diplomatico e imprenditoriale.

Si tratta di un evento inedito, che per la prima volta rende fruibile parte del materiale degli archivi di questa Organizzazione Internazionale, che restituisce al pubblico le tracce di un grande patrimonio collettivo condiviso tra Italia e America Latina.

 Questa mostra, oltre ad essere un affascinante sguardo sul passato dell’IILA, in realtà costituisce soprattutto la premessa del suo futuro, valorizzando lo spazio di dialogo e confronto quale ponte privilegiato tra l’Europa e l’America Latina.

 

 Vi invitiamo a visitare la mostra che sarà aperta al pubblico fino al 4 ottobre.

 

IILA, Italia, Europa e Sudamerica, storia rapporti in mostra Alla Camera per i 50 anni dell'Istituto italo latinoamericano (ANSA)

ROMA, 20 SET. - Una mostra con documenti, video e foto per approfondire la storia dei rapporti tra Italia, Europa e Paesi latinoamericani, guardando al passato non con nostalgia, ma come spunto per uno slancio maggiore alla crescita nel futuro. Questo il senso della mostra per i 50 anni dell'Organizzazione internazionale italo latino America IILA dal titolo "IILA, un sogno italo latino-americano", inaugurata questa sera alla Sala della Lupa della Camera dei Deputati e aperta al pubblico fino al 4 ottobre. L'inaugurazione ha visto la presenza della vicepresidente della Camera, Marina Sereni, del viceministro degli Affari esteri Mario Giro, del presidente dell'IILA e ambasciatore della Colombia Juan Mesa Zuleta, del Segretario generale, Donato Di Santo, di ambasciatori e diplomatici. Durante l'evento e' stato osservato un momento di silenzio per le vittime del terremoto in Messico, per il quale gli intervenuti hanno espresso cordoglio e vicinanza. Con questa mostra, sponsorizzata dall'Eni, "si ricorda un percorso. Non avendo memoria del tragitto, si rischia di perdersi per strada", ha detto la vicepresidente Sereni. "L'istituto e' nato per lavorare all'idea modernissima di multilateralismo efficace" e per l'Italia di "avere un ruolo nei confronti di un grande continente, come quello dell'America latina e i Caraibi".
Conoscere il passato dell'IILA "serve a rilanciare l'istituto che interessa all'Italia". Le relazioni tra Italia e America latina "sono state sempre forti e hanno aperto le strade a un sempre maggiore avvicinamento e comprensione tra i popoli", ha sottolineato l'ambasciatore Zuleta. Questa mostra "non vuole solo celebrare i 50 anni dell'Istituto, ma vuole spronare i Paesi membri a fare sempre di piu'". In questa mostra "c'e' la storia, e anche un sogno", ha sottolineato il viceministro Giro. Alla nascita dell'IILA "ci fu una visione anticipatrice di Fanfani, che volle questo istituto, perche' bisognava trovare uno strumento di relazioni internazionali in un'epoca difficile come quella degli anni Sessanta".
L'idea dell'istituto era quella di "avere una politica internazionale non sostitutiva ma aggiuntiva". L'Italia "utilizza l'IILA per fare cooperazione allo sviluppo in America latina", e il dialogo politico, culturale, economico e scientifico tra Italia, Europa e America latina "e' importante, andrebbe fatto di piu'". Nelle relazioni "e' necessaria continuita'" e la prossima Conferenza Italia America Latina di dicembre va in questa direzione. "Non abbiamo fatto tutto questo per nostalgia, per rimpiangere il passato", ha sottolineato il segretario generale dell'IILA Donato Di Santo, ma con "un solo obiettivo: costruire l'IILA dei prossimi 50 anni, che guardi al futuro" e per questo "non disperdendo il passato", decidendo di "recuperare le radici di questa straordinaria invenzione". La mostra, costituita da molti documenti inediti, e' suddivisa in 3 aree cronologiche e tematiche: "visione anticipatrice", con gli elementi storici della nascita dell'istituto, una seconda parte dal titolo "un sogno italo latinoamericano"
nella quale l'IILA si rafforza come ente pedagogico e formativo, e infine la terza area "veniamo da lontano, andiamo lontano" che parla "dell'essenza delle relazioni italo latino americane" quali gli accordi di cooperazione, i rapporti politici ed economici, l'udienza storica con Papa Francesco di quest'anno e si conclude con le immagini del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha insignito la mostra con la Medaglia di rappresentanza del Presidente. La mostra verra' poi inaugurata anche nei Paesi membri dell'IILA e il prossimo 26 settembre sara' presso le Nazioni Unite a New York. "C'e' la volonta' di ridare a noi stessi un pezzo della nostra storia", ha aggiunto Di Santo, "per dire cosa costruiamo nel nostro futuro". (ANSA)

Bando Premio IILA-FOTOGRAFIA 2017. "Diari". Scadenza: 30 giugno 2017

BANNER-FOTO-2017

 

Premio IILA-FOTOGRAFIA, X edizione: "Diari"

Francesca Woodman scriveva nel suo diario: "Che facile sarebbe stato soccombere agli incanti dell'italiano, ciononostante non so cosa mi succede, non posso... non mi spaventano le questioni reali, nemmeno l'amore, mi spaventano le cose che ho nella mia testa... Cerco di trovare distrazioni, una passeggiata per Via Giulia, come oggi, e cosa ottengo? Qualche idea, un libro di fotografia e la promessa di un altro incontro... Credo di aver bisogno di un professore o un amante, qualcuno che corra il rischio di impegnarsi con me veramente..." Manuela della Fontana – 07-01-2016*

Scadenza per la presentazione dei lavori: 30 giugno 2017

Nell'ambito della XVI edizione di FOTOGRAFIA - Festival Internazionale di Roma, l'IILA – Organizzazione internazionale italo-latino americana lancia la decima edizione del Premio IILA-FOTOGRAFIA, rivolto a fotografi emergenti latinoamericani fino ai 35 anni di età.

I fotografi che intendono partecipare alla selezione dovranno inviare a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. un progetto sul tema "Diari".
Quanti modi esistono per raccontare storie? Quante latitudini, giorni, eventi, passaggi, stati d'animo? Il diario si costruisce con una cronologia reale, fittizia, verosimile? Ha degli intervalli regolari? È uno sguardo soggettivo o, meglio ancora, un diario di viaggio con velleità scientifiche?

L'artista Sophie Calle nei suoi diari visivi ci parla delle sue ossessioni quotidiane, del tempo inesorabile; Nan Goldin dei suoi incontri e del suo sconforto; il brasiliano Jonathas Andrade racconta la sua geografia e la sua storia intercalata con lo sguardo intimo di un diario trovato; Ai WeiWei nel suo blog Writings, Interviews, and Digital Rants, 2006 – 2009, propone un commento sociale in cui si inserisce la scrittura autobiografica; la fotografa italiana Letizia Battaglia ci racconta la storia straziante di una parte d'Italia, attraverso foto storie di una Palermo sotto assedio.

Lettere d'amore, storie altrui, spostamenti, cronache: i diari sono sempre stati compagni dei creatori.

Che ruolo può avere un diario oggi, quando tutti raccontiamo intensamente le nostre vite con cadenza quotidiana sui social media? Quali nuovi modi di narrazione sono possibili, se ogni giorno postiamo in tempo reale quello che vediamo, ciò che ci piace, l'immagine sublimata di noi stessi? Ha ancora senso un diario?

Queste sono le domande e provocazioni che vogliamo lanciare quest'anno – nel quale il Premio IILA-FOTOGRAFIA compie 10 anni – ai giovani fotografi dell'America Latina. In dieci anni di saggi e appunti fotografici che hanno attraversato i 20 Paesi che compongono l'IILA, abbiamo proposto sguardi personali, tematiche generali e costruzioni collettive. Questa volta tocca all'artista, narrarsi o narrare attraverso la forma del diario, superando le frontiere della fotografia o ampliandole.

Tra le opere selezionate verranno nominati un vincitore e quattro finalisti che esporranno nell'ambito di FOTOGRAFIA-Festival Internazionale di Roma nel MACRO - Museo d'Arte Contemporanea di Roma. Al vincitore verrà offerta una residenza di un mese a Roma nel corso

della quale svilupperà un progetto fotografico su Roma e, al termine del suo soggiorno, terrà una conferenza sul processo creativo e la realizzazione del body of work nella città. Il progetto verrà presentato nel corso dell'edizione 2018 del Festival.

Il bando scade il 30 giugno.

SCARICA IL BANDO

Per ulteriori informazioni
Segreteria Culturale IILA
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; tel: +39/0668492.225/246 - fax +39/066872834
IILA - Organizzazione internazionale italo-latino americana
Via Giovanni Paisiello, 24 - 00198 Roma

* "Y un día me desperté sola. En torno a la fotógrafa Francesca Woodman", Manuela della Fontana – 07-01-2016. Traduzione IILA.

I vincitori del X Premio IILA-FOTOGRAFIA

BANNER-FOTO-2017

 

COMUNICATO STAMPA
Decretati il Vincitore e i 4 finalisti della
X edizione del Premio IILA-FOTOGRAFIA "Diari"
in mostra al MACRO – Museo d'Arte Contemporanea di Roma
nell'ambito della XVI edizione di FOTOGRAFIA – Festival Internazionale di Roma

 

Con il progetto "Zoobiografía", Leticia Bernaus (Argentina) vince la X edizione del Premio IILA-FOTOGRAFIA, dedicato a fotografi latinoamericani under 35.

Questo è quanto decretato dalla giuria che, composta da Chiara Capodici (esperta di fotografia e curatrice), Stefano Compagnucci (fotografo e docente di Fotografia presso la RUFA – Rome University of Fine Arts), Daniela Trincia (giornalista, critica d'arte e curatrice) si è riunita nella sede dell'IILA il 14 luglio selezionando all'unanimità i finalisti e il vincitore. I fotografi partecipanti si sono confrontati con il tema "Diari", con l'intento di rispondere a queste istanze: che ruolo può avere un diario oggi, quando tutti raccontiamo intensamente le nostre vite con cadenza quotidiana sui social media? Quali nuovi modi di narrazione sono possibili, se ogni giorno postiamo in tempo reale quello che vediamo, ciò che ci piace, l'immagine sublimata di noi stessi? Ha ancora senso un diario?

La motivazione della giuria
"Il lavoro di Leticia Bernaus attraversa il tema del diario con una serie di delicati ritratti di famiglia, autoritratti e nature morte legati insieme da un testo che affronta con linguaggio poetico i temi che più la ossessionano e che lega a una riflessione sulla fotografia e sul tempo ispirata a quanto Bazin scriveva a proposito del cinema e dell'arte in generale.
La qualità dell'immagine fotografica si arricchisce della sottile capacità della fotografa di raccontare e insieme trascendere il vissuto quotidiano.
Con il suo lavoro Leticia dimostra un ottimo utilizzo della tecnica ed una postproduzione unica".

Gli altri fotografi selezionati che, assieme a Leticia Bernaus, esporranno al MACRO di Via Nizza all'interno di FOTOGRAFIA – Festival Internazionale di Roma 2017 sono:

Dana Balajovsky (Argentina) – Menzione d'Onore, con il progetto "No traigas flores"; Sol Kutner (Argentina) con il progetto "Ana"; Fernando Martínez (Argentina); Manuel Seoane (Stato Plurinazionale di Bolivia) con il progetto "Jaimito".

Come da regolamento, nel mese di ottobre, la vincitrice Leticia Bernaus realizzerà una residenza di un mese a Roma nel corso della quale svilupperà un progetto fotografico su Roma. Al termine della sua residenza, terrà un artist talk sul processo creativo e la realizzazione del body of work nella città. Il progetto verrà presentato nel corso dell'edizione 2018 del Festival.

Il Premio IILA-FOTOGRAFIA è realizzato in collaborazione con le Ambasciate dei Paesi membri dell'IILA: Argentina, Stato Plurinazionale di Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Costa Rica, Cuba, Ecuador, El Salvador, Guatemala, Haiti, Honduras, Messico, Nicaragua, Panama, Paraguay, Perù, Repubblica Dominicana, Uruguay, Repubblica Bolivariana del Venezuela.

Per ulteriori informazioni
Segreteria Culturale IILA
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; tel: +39/0668492.225/246 - fax +39/066872834
IILA - Via Giovanni Paisiello, 24 - 00198 Roma

Seguici su: @culturaliila