Avviso

Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!
Joomla 1.6 wird benötigt!

Mostra e presentazione del libro “Gli occhi sulla città” di Ruben Abel Bianchi_mercoledì_14 febbraio_ore 18:00

 

invito-bianchi-ok

La mostra è visitabile già dalle 17:30 di mercoledì 14 febbraio.

 

IILA in collaborazione con l'Ambasciata dell'Uruguay in Italia, inaugura la mostra e presenta il libro "Gli occhi sulla città", dell'architetto uruguaiano Ruben Abel Bianchi, presso la propria sede in via G. Paisiello 24.

Dopo le parole di saluto di Gastón Lasarte, Ambasciatore dell'Uruguay in Italia, intervengono: Renata Bizzotto, già Presidente Ordine degli Architetti di Roma, responsabile del Centro Documentazione DOMUVICO; Giuseppe Imbesi, Ordinario di Urbanistica, Sapienza Università di Roma; Rossella Caputo, Architetto urbanista, ex dirigente dell'Ufficio Qualità Urbana di Roma Capitale; Margherita Aledda, Presidente della casa editrice Are, membro del Consiglio Direttivo Ordine degli Architetti di Roma; l'autore del libro Ruben Abel Bianchi.

Guardando con gli occhi sulla città e per estensione all'ambiente, il libro costituisce un messaggio destinato alla sensibilizzazione per il rispetto e la difesa dei nostri scenari quotidiani, con l'obiettivo di contribuire ad allertare sul pericolo degli atteggiamenti, che per volontà, ignoranza o indifferenza, sistematicamente distruggono il territorio e la qualità dell'organizzazione spaziale. Frutto di esperienze di cinquant'anni di professione svolta in diversi ambienti, raccolti in appunti e disegni (alcuni esposti nella mostra che verrà inaugurata), il libro integra pensieri che oltre ad obbedire alla vocazione artistica, percorrono le strade della formazione architettonica specializzata in urbanistica e restauro dei monumenti.

Scritto in quattro lingue (spagnolo/italiano/francese/inglese), editato da Are-Architetti Roma Edizioni e pubblicato nel 2016, il volume ha raccolto consensi in Italia, Uruguay, Brasile, Londra, Madrid, Lisbona e Shanghai.

La mostra raccoglie disegni realizzati dall'architetto, raffiguranti panorami urbani ed espressione artistica delle città e degli ambienti visitati. Ruben Bianchi, attraverso il disegno, si rende interprete dei luoghi che percorre, facendo di questa tecnica un vero mezzo di analisi. La mostra rimane aperta fino al 1 marzo, visitabile dal lunedì al giovedì, dalle 10 alle 17 e venerdì dalle 10 alle 14.

Ruben Abel Bianchi, nato a Montevideo 1940, vive e lavora a Roma dal 1972. Architetto-urbanista, master in Restauro dei Monumenti, membro di organizzazioni tecniche e culturali, tra cui la Sociedad de Arquitectos dell'Uruguay e l'Ordine degli Architetti di Roma, è consulente internazionale in materie di paesaggio e impatto ambientale. È autore di numerosi lavori accademici e articoli tecnici pubblicati in Italia, Olanda, Argentina e Uruguay.

NOTA: È possibile acquistare la pubblicazione "Gli occhi sulla città" presso la Libreria Casa dell'architettura sita all'interno dell'Acquario Romano in piazza Manfredo Fanti, 47 a Roma, oppure direttamente sul sito della casa editrice al link: http://www.ar-edizioni.it/prodotto/gli-occhi-sulla-citta/. Durante tutto il periodo della mostra viene applicato lo sconto del 20% su ogni copia acquistata sia on line che in libreria.

Presentazione libro "Lambayeque". Nuevos horizontes de la arqueología peruana | 30 gennaio | ore 17.30

LAMBAYEQUE invito

Il libro Lambayeque: nuevos horizontes de la arqueología peruanapresenta le ultime ricerche sulla cultura che si sviluppò nell’omonimo dipartimento peruviano della Costa Nord, tra la fine di Moche e la Conquista Chimú. Come è noto, questa cultura è chiamata da alcuni Sicán e da altri Lambayeque. Le due denominazioni, non sono espressione solo di una diversità lessicale, ma di differenti visioni dei processi e delle dinamiche tra i principali centri di questa cultura.
 
Per saperne di più:
Le problematiche del raccordo con la cultura Moche sono affrontate in due articoli.
Nel primo Antonio Aimi, Walter Alva, Luis Chero, Marco Martini, Francesco Maspero, Emanuela Sibilia chiariscono definitivamente la cronologia di Sipán a partire da nuovi risultati di datazioni assolute (C14 e TL) e relative. Nel secondo Krzysztof Makowski prende in esame le trasformazioni nei rituali e nei simboli di potere da Moche a Lambayeque.Il libro è stato realizzato nell’ambito del progetto PROPOMAC, finanziato dal FIP (Fondo Italo Peruano) e portato avanti dalla Caritas del Perú, come Unidad Ejecutora, dal Museo Nacional de Sicán e dall’Università degli Studi di Milano e rappresenta la continuazione e la trasformazione del progettoPRODESIPAN, che si è concluso nel 2009.L’obiettivo principale del progetto PROPOMAC, è quello di promuovere il circuito virtuoso (archeologia > turismo > sviluppo),  già realizzato con successo a Sipán, nella zona del SHBP (Santuario Histórico Bosque de Pómac) che fu una delle capitali della cultura Lambayeque (800 – 1350 d. C.). Promuovere gli scavi archeologici significa sviluppare il turismo e migliorare le condizioni di vita della popolazione.Considerando che Sipán e il SHBP sono famosi in tutto il mondo, perché hanno restituito le tombe più ricche d’America e perché hanno avuto un’importanza scientifica di primissimo piano nella comprensione delle culture Moche (100 a.C. - 850 d.C.) e Lambayeque (800 – 1350 d. C.), appare evidente che si tratta di un obiettivo raggiungibile.

IILA a Più Libri Più Liberi 2017 | La Nuvola | 6 e 8 dicembre

sfondo news plpl

 

 

IILA A PIU LIBRI PIU LIBERI 2017

 “UNA VITA RIBELLE” CON LUIS SEPULVEDA E GIANCARLO DE CATALDO

“PORTALI DI SCAMBIO. LE FIERE DEL LIBRO IN AMERICA LATINA”

16. Edizione di “Più Libri Più Liberi” - Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria

Roma Convention Center – La Nuvola, EUR, Roma. 6-10 dicembre 2017   

                                                                                           

Anche quest’anno l’IILA è stata presente a Più Libri Più Liberi – Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, che si è tenuta dal 6 al 10 dicembre al Roma Convention Center – La Nuvola. Uno degli eventi di punta del giorno di apertura della Fiera è stata la conversazione tra il cileno Luis Sepúlveda, uno degli autori contemporanei latinoamericani più amati e tradotti, e lo scrittore, sceneggiatore e magistrato Giancarlo De Cataldo. “Una vita ribelle” è stato l’argomento del dialogo che si è tenuto mercoledì 6 dicembre, alle ore 18.30 nella Sala La Nuvola e che ha riguardato la passione politica e la ribellione. L’incontro è stato a cura di Più Libri Più Liberi, in collaborazione con IILA.

Venerdì 8 dicembre, alle ore 14.30, nella sala ALDUS, l’AIE - Associazione Italiana Editori, IILA e ALDUS hanno curato un interessante incontro internazionale dedicato agli operatori del settore editoriale. Argomento del dialogo è stato “Portali di scambio. Le Fiere del Libro in America Latina” e si è incentrato sullo stato dell’arte dell’industria editoriale latinoamericana e la sua ripercussione in Italia e in Europa. Vi hanno preso parte l’attuale Ministro di Cultura dell’Ecuador Raúl Pérez Torres, direttore della Fiera Internazionale del Libro di Quito, Francisca Muñoz, direttrice esecutiva di "Primavera del Libro" di Providencia (Cile) e della Asociación de Editores Independientes, Universitarios y Autónomos de Chile, Diego Guida, Presidente gruppo Piccoli Editori dell’AIE, Henrique Mota, direttore della Fiera del Libro di Lisbona. L’appuntamento ha avuto l’obiettivo di mettere in comune le esperienze di importanti Fiere del Libro latinoamericane ed europee. Durante l'incontro sono state lanciate alcune provocazioni: quali opportunità di scambio di diritti, promozione della lettura e prodotti di innovazione possono offrire al mercato italiano le Fiere del Libro latinoamericane? Qual è lo stato dell’arte dell’industria editoriale indipendente che pubblica letteratura latinoamericana in Italia? Che ruolo potrebbero avere le Fiere del Libro italiane nella ricezione della letteratura latinoamericana? 

In collaborazione con le Ambasciate di Cile ed Ecuador in Italia.

 

#plpl2017 #LaNuvola  www.plpl.it

 

 

Per ulteriori informazioni:

 

Segreteria Culturale IILA | Tel. 06 68492. 246 | www.iila.org | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Seguici su FB, Twitter e Instagram @culturaliila 

 

Ufficio stampa per IILA

 

Federica La Paglia: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. | +39.338.9982553